venerdì 8 luglio 2011

Shit happens

Me ne sono resa conto prima.
Mentre ero seduta ancora in pigiama sul pavimento, circondata da carte, libri, quaderni, cartelline, mentre il telefono squillava e le mail attendevano una risposta.
Ho un mio ordine, ma alle volte è così ragionato che non mi seguo.
Così perdo qualcosa.
Momentaneamente.
Poi la ritrovo.
Ma dopo aver smantellato la casa, la macchina, alle volte anche dopo aver aperto scatole chiuse da anni.
Ritrovo la cosa che cercavo soprattutto dopo che ho pianto.
Sì perchè alla fine per la disperazione finisco col piangere.
Ma perchè non trovo le cose sempre quando sono importanti cazzo, ecco perchè!
Tipo oggi, dovevo trovare la lettera di credenziali per portarla al colloquio.
Ovviamente non la trovavo.
Ho cercato per due ore.
Poi, stanca, mi sono seduta e mi sono guardata intorno.
Ho pensato : “cosa faccio di solito per trovare le cose dopo tanto?”
La triste risposta, perchè è troppo da romanzo rosa eh, è “Piango.”
Ma oggi non mi viene da piangere.
Ed è un casino.
Come cazzo la trovo la lettera se non piango?
Trishtezza sta cosa delle lacrime trova tutto, mamma mia...
Soffrirò di una sorta di sindrome dell'abbandono anche da parte degli oggetti?
 
Fatto sta che mi sono opposta alla scenetta da romanzo rosa con me in pigiama sul pavimento che mi dondolo abbracciata alle gambe, mentre le carte intorno a me si muovo al vento estivo inesistente.
Ho preso foglio per foglio, cartellina per cartellina e l’ho riaperta.
Tranquillamente.
Spulciando ogni minimo anfratto, ogni lettera.
Ordinatamente e, soprattutto, ragionando.
E’ così che si fa, cazzo!
 
Ovviamente non l’ho trovata.
 
Ho mandato tutto a fanculo e sono andata a farmi un caffè.
Poi mi sono ricordata che l’avevo messa tra due enciclopedie del salone a “stirare”.
Eh..s’era fatta una pieghetta.




still happens

9 commenti:

  1. ..........e finalmente hai pianto!!

    RispondiElimina
  2. Sincera?
    No.

    Ero appoggiata al mobile guardando il salone in trans da caffè.
    Poi me lo sono ricordata e ho fatto un salto (strano per l'ora mattutina), mi sono versata il caffè sul pigiama, ma da vera eroina ho continuato senza indugio verso le enciclopie.
    L'ho vista e ho imprecato.
    :))
    Poi mi sono fatta un altro caffè e ora che ci penso credo di aver avuto un sorriso maligno e soddisfatto per molto tempo...

    RispondiElimina
  3. bisogna prenderla in maniera "easy". Poi le cose vengono in mente...

    Complimenti, quindi.... la prossima volta lasciala dove capita, così la trovi subito!

    RispondiElimina
  4. ....più che maligno me lo immagino "malato"  tipo Angelina in ragazze interrotte!

    RispondiElimina
  5. oh come ti capisco. Quando metto via le cose "così non la perdo e la ritrovo subito" poi mi ci vuole un miracolo per ritrovarle!
    ed una volta che le ho ritrovate è molto probabile che sopra mi ci cada il caffè!

    RispondiElimina
  6. Io invece caffe e poi in bagno...per dire, a gonuno il suo effetto.

    RispondiElimina
  7. Io ho perso un accordatore circa un anno fa e l'ho ritrovato la settimana scorsa.
    Nel freezer.
    Giuro.

    RispondiElimina